Shadowplay journey to wonderland iphone

Difficile. Troppo difficile, soprattutto dopo che Frankie mi ha ciulato la battutona di Raf. Questo è uno di quei pezzi che quando poi li vai a rileggere a mente fredda ti accorgi di aver sbagliato qualcosa , di esserti dimenticato qualcos’altro. Insomma, è un articolo da scrivere di getto , facendo leva sulle sensazioni , sui ricordi, su quei piccoli dettagli che, in questi anni, ti hanno regalato momenti indimenticabili e che ti hanno immancabilmente confermato, ancora una volta, che la passione che ci metti nel vivere i videogiochi in qualche modo è ben riposta.

Questa, per me, è stata una generazione molto intensa, vissuta, per vari motivi, con più entusiasmo rispetto alla precedente e, tutto sommato, anche in maniera migliore, perché più consapevolmente e, soprattutto, perché ha visto nascere il mio interesse per i game studies . Scegliere dieci titoli, in questo senso, è molto difficile, non perché credo che ci siano stati tanti capolavori, ma perché sono tanti i giochi che mi hanno lasciato qualcosa che ricorderò con estremo piacere. Il mio criterio di scelta, dunque, è stato quello della sensazione, del momento, della scintilla.

Ma, come in ogni classifica che si rispetti, ho da assegnare dei premi secondari a quei titoli che stanno lì e beh, non meritano di non essere rapidamente ricordati.


Brani

1.Unfinished business
2.New woman, new man
3.The truth is sought by a liar
4.Scoobie legget
5.In the cold light of day
6.If you were gone
7.Blow by blow
8.The Jungle walk
9.What's your excuse
10.Help yourself