Mechwarrior 2 31st century android

Prima che l'azienda avviasse la propria attività, il software per le console era pubblicato esclusivamente dagli stessi produttori dei sistemi hardware per cui i giochi erano stati disegnati; ciò voleva dire che, ad esempio, Atari era l'unico editore dei giochi per il suo sistema Atari 2600 . tale situazione risultava particolarmente irritante per gli sviluppatori dei giochi, in quanto non ricevevano compensi aggiuntivi per i giochi campioni di vendite e non venivano nemmeno accreditati per i giochi da loro creati [5] .

Activision è stata la prima società indipendente sviluppatrice di software per l'Atari 2600 e, a differenza della casa che produceva tale console, accreditava i programmatori dei suoi giochi, dedicandogli addirittura una pagina sul libretto delle istruzioni [7] [8] [9] e sfidando i giocatori a riportare all'azienda i loro migliori punteggi (di solito con una foto a "provarlo") per poter ricevere una toppa ricamata [10] [11] [12] [13] . Tali usanze aziendali aiutarono la giovane azienda ad attrarre programmatori esperti e di talento. Crane, Kaplan, Levy, Miller e Whitehead ricevettero il premio Game Developers Choice "First Penguin" nel 2003 per questo motivo.

Le dimissioni dei quattro programmatori dalla Atari, le vendite dei cui giochi ammontavano a oltre la metà delle vendite totali della casa produttrice, sfociarono in una batteglia legale tra le due aziende che non si risolse fino al 1982, lo stesso anno in cui la Activision pubblicò Pitfall! , un tale best seller per l'Atari 2600 che diede vita a molteplici cloni. Allo scoppiare della crisi dei videogiochi del 1983 la Activision si defilò dal mercato dei giochi per console, dedicandosi ai giochi per personal computer e acquisendo società editrici più piccole.

Anni duemila. serie su X-Men (2000-in corso) (tranne X-Men: Mutant Academy 2 ) serie su Star Trek (2000-2002) Call to Power II (2000) Mat Hoffman's Pro BMX (2001)