Furi ipad

Abbiamo contattato migliaia di hotel e siamo riusciti a ottenere offerte impareggiabili. Le abbiamo chiamate Offerte SuperSegrete, e durano solo poco tempo.

Approfitterai gratuitamente di queste offerte iscrivendoti alla nostra newsletter, che potrai poi personalizzare indicando le tue destinazioni preferite.

Abbiamo oltre 70 milioni di recensioni, tutte scritte da clienti veri, che hanno effettivamente soggiornato. Come funziona?

  • 1

    Zermatt è un incantevole villaggio completamente pedonalizzato, situato sulle Alpi Svizzere e famoso in tutto il mondo per essere la meta ideale per praticare sci e arrampicate. Zermatt è un vero e proprio paradiso alpino all’ombra dell’imponente Monte Cervino, luogo frequentato dalle celebrità e da turisti da tutto il mondo.

    Zermatt è circondato da un meraviglioso paesaggio montano e vanta numerosi percorsi escursionistici e viste da favola. Per raggiungere il vicino comprensorio sciistico di Sunnegga Paradise avrete bisogno di prendere ben 3 mezzi di trasporto diversi: una funicolare, una cabinovia e una funivia, per rendere il vostro viaggio ancora più emozionante! Al vostro arrivo sarete ricompensati dalle tante opportunità che Zermatt potrà offrirvi. Questo delizioso viaggio è il punto di partenza ideale per esplorare a piedi la vicina area del Monte Breithorn, il percorso più semplice di tutte le Alpi che vi regalerà delle meravigliose viste sui monti innevati e sugli stupendi villaggi sottostanti.

    Se avete voglia di fare un giro in bicicletta, l’area attorno Zermatt è quella che fa per voi, e dopo una giornata trascorsa all’aria aperta potrete rilassarvi negli accoglienti bar e ristoranti, seduti su una poltrona davanti a un caminetto. In alternativa, potrete anche semplicemente passeggiare lungo la strada principale del paese, godere della vista degli chalet in legno e fare shopping.

    Un mito viene sfatato. Dal 3 settembre si è realizzato il sorpasso storico: tra il '94 e oggi Prodi, D'Alema & Co. hanno passato più giorni a Palazzo Chigi rispetto al Cavaliere

    È una delle balle più ricorrenti quando si ragiona ex post su quanto avvenuto dal '94 in poi. Un solido luogo comune, una sintesi sbrigativa e volutamente «evocativa» visto che la parola «Ventennio» richiama inevitabilmente alla memoria l'era fascista e produce una immediata assimilazione politica. Fatto sta che il famoso «Ventennio berlusconiano», oltre a non essere mai esistito visto che il Cavaliere è rimasto in carica poco più di 9 anni, può adesso essere sostituito - con la stessa logica e numeri alla mano - dalla dizione e dal marchio di «Ventennio rosso».

    E' logico perchè il popolo ama la sinistra perchè piuace pagare le tasse, noi di destra se dobbiamo votare non ci andiamo perchè pensiamo di essere furbi, poi arrivani quei mezi partiti di gay (non sono di destra ne di sinistra) che completano il quadro dell'imbecillità del popolo italiano e continuiamo così.

    "Come puoi credere nella Provvidenza o nell'amore divino quando vedi un bambino invaso da cellule maligne che lo consumano giorno dopo giorno davanti ai tuoi occhi?"

    "Dopo Auschwitz, il cancro è la prova che Dio non esiste" . Lapidario. Umberto Veronesi , oggi direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia, si racconta nel libro Il mestiere di uomo che uscirà domani per Einaudi. E racconta come nel corso degli anni sia diventato agnostico senza tuttavia perdere la fede nella vita. Negli estratti, pubblicati oggi da Repubblica , l'oncologo medita sul dolore ripercorrendo la propria vita dall’infanzia da "inappuntabile chierichetto" all’amicizia con padre Giovanni che gli fece capire che esiste anche una carità laica.

    Il cancro per Veronesi è molto simile a un campo di concentramento. "Così come Auschwitz - racconta - per me il cancro è diventato la prova della non esistenza di Dio" . E chiede: "Come puoi credere nella Provvidenza o nell'amore divino quando vedi un bambino invaso da cellule maligne che lo consumano giorno dopo giorno davanti ai tuoi occhi? Ci sono parole in qualche libro sacro del mondo, ci sono verità rivelate, che possano lenire il dolore dei suoi genitori? Io credo di no, e preferisco il silenzio, o il sussurro del non so" .